2 esempi di Design Thinking a cui ispirarti

 In Internet of Things

Hai scoperto come applicare i principi del Design Thinking e ora è il momento di vedere questo metodo in pratica. Molte aziende stanno usando con successo questo approccio per creare soluzioni innovative, sviluppate con in mente le reali necessità dei clienti. In questo articolo scoprirai 2 esempi di Design Thinking da cui trarre ispirazione!

 

Braun e Oral-B

Kim Colin e Sam Hecht, fondatori di Industrial Facility, sono stati contattati da Braun e Oral-B per un supporto nella creazione di uno spazzolino elettrico con tecnologia IoT. L’idea iniziale del cliente era di creare un prodotto in grado di trasmettere musica, analizzare la sensibilità dei denti e dire quanto bene l’utente li stava pulendo. La coppia di creativi ha preferito un approccio che ha reso questo caso uno dei migliori esempi di Design Thinking esistenti!

 

Uno spazzolino da denti è già pieno di sensi di colpa, che non lo stai usando correttamente o abbastanza. Le aziende non stavano pensando all’esperienza dei clienti. Stavano pensando allo spazzolino nello stesso modo in cui si farebbe con un tracker di attività atletiche, che registra ed elabora le informazioni” – Kim Colin

 

L’idea di Colin e Hecht era molto semplice: puntare a risolvere i problemi reali di chi ha uno spazzolino elettrico! Il primo riguarda il ricaricare il prodotto. Solitamente si usano delle docking station ma lo spazzolino realizzato è stato implementato con in più un collegamento USB per l’uso “on the road”. La seconda difficoltà riguarda l’ordinare i ricambi per la testa: spesso ci si accorge dell’usura durante la pulizia ma ci si dimentica di acquistare le nuove teste. È stato inserito sullo spazzolino un pulsante che invia un segnale a una app per smartphone e quest’ultima manda una notifica all’utente ricordando di comprare i ricambi.

 

MR Adventure Discovery Series

Ci sono molti aspetti dell’ambiente ospedaliero che mettono a disagio i bambini. E quando si tratta di esami particolari le cose si fanno anche più difficili! La risonanza magnetica è un caso tipico: lo spazio ridotto, i rumori e la solitudine nella stanza spesso terrorizzano i piccoli pazienti. Doug Dietz, un industrial designer, descrive la scena di una famiglia che accompagnava la piccola a fare questo esame:

 

Vedo questa giovane famiglia che sta scendendo dal corridoio e posso dire mentre si avvicinano che la bambina sta piangendo. Mentre si avvicinano ancora di più a me, noto che il padre le sussurra: ‘Ricordati che abbiamo parlato di questo, puoi essere coraggiosa‘”

 

Guardano dal punto di vista della bambina, il designer si è accorto che la stanza trasmetteva una sensazione negativa, con adesivi stile “scene del crimine” che dicono ai pazienti dove andare e il segnale di avvertimento sulla porta. “La stanza stessa è piuttosto buia e ha quelle luci fluorescenti, tremolanti […] la macchina che avevo progettato fondamentalmente sembrava un mattone con un buco dentro“.

La reazione della piccola paziente davanti alla situazione e l’impotenza dei genitori hanno stimolato Dietz a cambiare approccio nell’ideazione dei suoi prodotti. Tra gli esempi di Design Thinking, la soluzione trovata da questo designer colpisce per l’attenzione verso i bisogni dell’utente finale. Dietz ha creato ambienti su misura per i bambini, in cui ogni dettaglio intrattiene e diventa un elemento di gioco. Dalla Pilot’s Room alla Coral City, entrare nel macchinario si trasforma in un’esperienza divertente. Così queste stanze tematiche hanno permesso alle famiglie di vivere positivamente un momento delicato come un esame clinico!

 

Gli esempi di Design Thinking che hai appena scoperto sono una vera fonte di ispirazione. E tutti mettono al centro i bisogni reali delle persone piuttosto che semplici caratteristiche del prodotto.
Vorresti applicare questo approccio innovativo nella tua azienda? Contattaci per scoprire come migliorare il tuo business!

Recommended Posts

Leave a Comment

18 − 1 =