Applicazioni per la robotica nelle coltivazioni

 In Intelligenza Artificiale

Quando pensiamo alle innovazioni tecnologiche, spesso immaginiamo IA che dialogano con le persone o robot che svolgono mansioni complesse. Spesso dimentichiamo che queste innovazioni possono essere applicate a ogni aspetto della nostra vita! Che dire, ad esempio, delle coltivazioni? Sono in corso da diversi anni esperimenti per migliorare le attività in questo campo. In questo articolo parleremo di un’interessante applicazione della robotica che riguarda questo importante settore!

 

Un problema da risolvere

Alcuni vegetali particolari, come i broccoli o i pomodori, richiedono un diverso tipo di coltivazione. Queste colture speciali non vengono prodotte in massa come il grano o la soia e non possono essere trattate con i metodi tradizionali. Non esistono diserbanti adatti a questi prodotti e quindi è necessario intervenire manualmente. D’altra parte, utilizzare dei lavoratori per strappare le erbacce può costare fino a 300 euro per acro! Questa realtà ha spinto molti coltivatori a rivolgersi ai robot.

 

L’utilizzo dei sarchiatori robotici

Steven Fennimore, specialista della University of California, lavora da anni con ricercatori e ingegneri di diverse aziende e università per migliorare l’efficienza dei robot usati nelle coltivazioni. L’idea è semplice: i sarchiatori riconoscono un percorso, capiscono la differenza tra suolo e piante e sradicano le erbacce utilizzando delle piccole lame. Ma come riconoscono un vegetale o un’erbaccia?

Proprio questo punto al momento è un problema. Per facilitare il lavoro ai robot, le colture devono essere più dritte, pulite e continue del solito. Alcune aziende stanno sviluppando modi per “taggare” le colture, così da permettere alle macchine di riconoscerle ed evitarle. Ciononostante questa tecnologia è ancora agli inizi e non garantisce risultati perfetti.

 

I margini di miglioramento

Un robot sarchiatore costa intorno ai 150.000 euro. Per molti coltivatori, questa cifra è un investimento a lungo termine più vantaggioso dell’utilizzo dei lavoratori per lo stesso compito. D’altra parte, queste macchine non hanno ancora raggiunto un livello tale da essere autonome o versatili. Ci sono diverse cose da gestire, come i sistemi per ogni tipo di coltura, ma i ricercatori sono fiduciosi. Secondo Fennimore, il vantaggio di questi macchinari è che la tecnologia “è flessibile e può essere migliorata facilmente”.

 

Un potenziale inesplorato

La robotica ci riserva molte sorprese per il futuro. Se una macchina per strappare le erbacce può essere sviluppata in così tanti modi, immagina che altro potranno fare i robot! Come BrainWise, siamo entusiasti di partecipare a queste innovazioni tecnologiche utilizzando l’intelligenza artificiale e la robotica per migliorare il lavoro dei nostri clienti!

Recommended Posts

Leave a Comment

quattordici − dieci =

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt